collegamento logo

Dirittoalgioco.it

A promozione della cultura ludica partecipata ed inclusiva

Index - Presentazione - Attività - Tavolo - Archivio - Logo - Progettare 2022 - Policy privacy

GENITORI IN GIOCOideare giochi con i genitori ingrandimento - 2017

inventare una piccola festa del gioco decentrata coinvolgendo un nucleo di genitori

Nell’edizione del 2017 alla coppia di scuole dell’infanzia che solitamente hanno collaborato ed arricchito le varie edizioni della Festa (sc Manifiorite ed Arcobaleno dei bimbi) si è aggregata anche la scuola dell'infanzia Monti, sempre situata nel quartiere Darsena, contigua all’area verde di Via Capodistria.

In questa scuola ed attraverso un convinto gruppetto di mamme si è dato avvio ad un’attività nuova, tutta all’insegna del protagonismo e dell’autonomia ideativa ed operativa.
L’obiettivo di queste mamme era ben chiaro: preparare e condurre una festa all'aperto ricorrendo a giochi di carattere motorio, modello "mini olimpiadi".
Con loro si è definito un percorso fatto di vari incontri – in accordo con le insegnanti e la pedagogista di riferimento - da realizzare all'interno di un mese e mezzo di tempo, utilizzando l'area dello spazio comune della scuola, per preparare materiale idoneo a giocare ed ideare giochi adatti al contesto, tutti da giocare nella vicina area verde, si era individuata anche la giornata del 23 maggio al mattino. Questa festa decentrata del gioco condotta dalle mamme, e che anticipa quella con cui culmina il progetto, era diretta ai/alle bambini/e ed insegnanti della loro scuola, una festa per loro. E per i bambini/e doveva essere una sorta di regalo a sorpresa, e così è stato.

cerchio ingrandimento accartocciare ingrandimento fare la coda alla palla cometa ingrandimento aggiungere coda alla palla ingrandimento strappare per fare le frange ingrandimento
attività di costruzione della Palla Cometa
taglaire parti di plastica dal sacco ingrandimento la palla cometa ingrandimento
La costruzione di questo giocattolo è molto semplice, sicuramente uno dei più facili da costruire e soprattutto che permette un sacco di possibilità di gioco. Si parte dal taglio di sacchetti di plastica per ottenere dei ritagli più o meno regolari di quadrati rettangoli. Poi dalla raccolta di giornali quotidiani per realizzare delle palline di carta. Quest'ultima verrà vestita" da un ritaglio di plastica, per fare una pallina più compatta. Quindi con i nastri da decorazione si realizza una coda variopinta (importante che i capi siano attorcigliati bene tra loro e poi fermati con nastro isolante), che verrà associata alla pallina.


Con questo gruppetto di mamme si sono appuntati tre incontri, di un paio d’ore ciascuno sempre al mattino. Con loro si è strutturato il programma di attività per la piccola festa, si sono preparati i materiali utili per giocare, per decorare l’ambiente, per orientare i frequentatori nel percorso delle attività, si sono trattate le competenze alla conduzione dei gruppi di bambini/e, si sono delineati e risolti problemi di natura organizzativa e di sicurezza dell'evento a cui si guardava, anche seguendo norme della scuola. tnte palle comete ingrandimento
Un lodevole lavoro di grande responsabilità ed impegno, nel tentativo di “vedere il mondo con gli occhi dei più piccoli”, affinchè si realizzasse un qualcosa veramente ed il più possibile “a loro misura”, accettando e comprendendo meglio la persona bambino/a, riconoscendo il valore del diritto al gioco (fatto di un sano divertirsi con poco), sia praticato e sia come forma di cultura del benessere per la piccola comunità.

Sin dall’inizio, il gruppetto di "genitori in gioco" aveva bene in mente una generale visione di festa da proporre ai bambini/e, con attività di gioco all'aperto e di carattere motorio, esercitando diversificate abilità, gradualmente ha preso corpo un piano.
In appoggio a questo si è proposto loro d'ideare un “contenitore” fatto di variegati centri d'interesse ludici (cinque per la precisione), in cui i bambini/e vi avrebbero fatto accesso in forma organizzata (a piccoli gruppi e con le indicazioni fornite dalle insegnanti), in cui tutte le differenti attività proposte dagli adulti verso i bambini/e avrebbero avuto come comune denominatore l’utilizzo dello stesso giocattolo – cioè la Palla Cometa.
In quest’organizzazione, si sono date le indicazioni per costruire tante Palle Comete quanti erano i bambini/e della scuola; con gli adulti si sono ideati e sperimentati diversi giochi e tra questi se ne sono selezionati ed adattati cinque, quelli che avrebbero avuto più corrispondenza con i bambini/e di quell’età e grado di competenze nella manipolazione ed uso della Palla Cometa, ricorrendo a gesti motori adatti ai bambini/e.
Doveva essere bene chiaro che ai bambini in festa non si sarebbe dovuto richiedere di imparare nuovi gesti ed abilità motorie, ma di usare ciò che già sapevano fare, e che richiedeva una facile padronanza della situazione di gioco.
Se durante la festa si sarebbe giocato, alla sua conclusione ogni partecipante avrebbe ricevuto in regalo una Palla Cometa.
Questi giocattoli, una volta nelle mani dei bambini/e, ed in altro tempo e sede, sono stati poi decorati/personalizzati da loro stessi.

giocare con i genitori ingrand fare giocare i genitori ingrandimento adattare il gioco ingrandimento ideare il gioco ingrandimento adattare i giochi ingrandimento
ideare giochi e adattarli al contesto

La questione del gioco e della libera scelta (criterio essenziale per definire il pieno accesso al diritto al gioco) è stato un perno cruciale per alcune decisioni, e che ha incontrato anche la prospettiva dei docenti. L'organizzazione dell’evento è stato una conseguenza in grado di mettere in atto una situazione che risulti sicura, accessibile e ludica assieme.
Organizzativamente, si è previsto che il grande gruppo dei partecipanti fosse ripartito in due grandi gruppi misti per età, e ciascuno grande gruppo raccoglieva tre gruppi classe (per un totale di 65/70 bambini per grande gruppo) in una fascia di tempo dalle 9,00 alle 11,30. Questo ha dato modo ad ogni sottogruppo di spendere una quindicina di minuti effettivi di gioco in ogni postazione (quattro, più una finale che raccoglieva tutti assieme) organizzata e gestita dai genitori.

Nel primo incontro con i genitori, e durante la costruzione e gioco con i giocattoli, gli adulti hanno anche trattato delle questioni organizzative dell'evento da realizzare, che coinvolgono direttamente la logistica della scuola, con i suoi tempi e modalità. giocare
Si è posta attenzione all'adattamento delle idee di gioco inventate dagli adulti affinchè le stesse siano il più possibile accessibili ai bambini/e. In questo operare si sono considerati anche quegli elementi che fanno parte del "corredo" del gioco, come ad esempio se serve delimitare segnalare l'area di gioco; o di quali regole togliere affinchè si pratichi l'attività con semplicità, ricorrendo a quegli schemi motori adatti a bambini/e di quell'età, l'abbellimento dei "dispositivi" che supportano il gioco (ad esempio decorare il cerchio usato come bersaglio).
Si è preso in considerazione il tema della sicurezza e controllo del gruppo lasciato libero di muoversi nel parco, alla ricerca del gioco che piace di più o all'esplorazione delle possibilità di gioco vario; essendo il parco recintato ma non da una rete sarà importante che gli adulti rendano evidenti i limiti dello spazio di gioco. Si è pensato che tutti gli adulti coinvolti vestiranno simile maglietta oppure con una giubba vistoso (come quello delle vesti arancioni da strada).
Nel secondo incontro si sono realizzati dei materiali per la festa, si sono definiti i giochi da condurre durante la festa, e si sono presi accordi con la scuola sull'organizzazione della mattinata, nonché si è fatto sopralluogo nell'area verde per identificare dove collocare le diverse “postazioni di gioco”.
Nel terzo incontro si è conclusa l'attività di preparazione alla piccola festa, completando i materiali utili e listato ciò che sarebbe servito per ambientare la festa e realizzare le attività sul prato, nell'area verde (scala, corde, canne di bambù, nastro bianco e rosso, gesetti colorati, sacchi della spazzatura... e visionando un ultima volta il luogo dell'area verde dandosi appuntamento.

Quindi ci si è dato appuntamento la mattina presto del 23 maggio 2017 per la festa della scuola Monti