logo dirittoalgioco.it collegamento

Dirittoalgioco.it

A promozione della cultura ludica partecipata ed inclusiva

Index - Presentazione - Attività - Tavolo - Archivio - Logo - Festa 2018 - progettare 2019 - policy privacy

ATTIVITA' ORGANIZZATIVE

attività organizzative a preparazione degli eventi pubblici e in altri spazi cittadini quali centri doposcuola e scuole

In verità vi è anche un'altra parte di attività organizzative, da aggiungere a quelle che si materializzano con eventi, e che sono più invisibili dall’esterno ma che risultano altrettanto essenziali per la riuscita del progetto, di ogni progetto educativo e che si rivolge anche al pubblico, soprattutto se realizzate in situazione all’aperto e di accesso indistinto a tutti/e. Sono le attività di preparazione più di carattere formali ed istituzionali.
Ad oggi si è giunti all'elaborazione di un Piano generale che si può vedere in formato schema a questo link aggiornato al 18 ottobre.
Molto impegno del Tavolo è orientato ad una prima elaborazione del progetto, a cui segue la presentazione dello stesso alle istituzioni e ad altre organizzazioni per risolvere il problema della ricerca dei fondi, orientata ai bandi e ad altre possibilità che può offrire il territorio di riferimento, come le banche a cui rivolgersi via lettera e incontri diretti con loro responsabili. E’ questo tutto un lavoro che richiede l’elaborazione di documenti capaci di trasformare la narrazione riferita ad un progetto articolato e complesso, in una forma sintetica e capace di mettere bene in risalto quanto interessa all’altra parte.
Non sono solo contributi economici di cui si va alla ricerca: sono oggetto di attenzione sono oggetto di attenzione anche materiali, strumenti e supporti per i laboratori e viveri per la merenda che puntualmente viene servita alla Festa (sempre molto gradita da chi è seriamente impegnato al “lavoro del gioco”), frutto di richiese dirette o indirette attraverso eventi quali Lanterne da passeggio alla coop Aquileia e Generatori di sorrisi presso l'evento M'illumino di Meno.
Un gruppo che funziona e che è coinvolto in un progetto di tale complessità ed articolazione ha necessità di incontrarsi e scambiare messaggi in modo trasversale, con risposte a problemi spesso che richiedono tempi stretti. Da settembre a giugno sono sempre tante le riunioni del Tavolo (quasi due o tre a semestre), e ad esse si aggiungono alcune riunioni con i diversi soggetti che concorrono solo per l’evento culmine (solitamente cadendo tra aprile e maggio).
Per ciascuna di queste riunioni idealmente necessita il compito di stilare resoconti (anche dettagliati), che facilitano il mantenimento del filo di memoria e la circolazione delle informazioni verso chi è assente.tempo e spazi per il gioco libero

Organizzare eventi richiede spesso di farlo secondo ed in conformità a procedure vigenti (richieste di patrocinio e collaborazione al Sindaco, coinvolgimento Unità Pedagogica Comune di Ravenna ed Assessorato alla Cultura, uffici che abilitano all’uso dei parchi (e al permesso di chiusura della strada adiacente al parco), e per gli eventi grossi anche coinvolgimento della Polizia Municipale, coinvolgimento dell’ambulanza della Croce Rossa o Pubblica Assistenza. Tutto ciò comporta nuove domande e carte da compilare, bolli da comperare e consegnare, persone da incontrare direttamente, carte da andare a recuperare a mano, email e telefonate per “seguire” le diverse cause in corso.

E poi l’attività di coordinamento, con produzione di "strumenti bussola" come i resoconti e le Mappe generali (la più recente, inerente al progetto del 2018/2019, è quella del 18settembre 2018 per l'edizione che è da venire) che devono risultare aggiornate di riunione in riunione, per monitorare l'evoluzione del progetto fino al suo compimento.
Per lo scorso anno si è anche prodotta una griglia con lista di eventi realizzati in passato inviata ai referenti del tavolo affinchè vi possa essere una più veloce possibilità di fare mente locale sul progetto attraverso le realizzazioni dello stesso svolte negli anni, e scegliere cosa piace per l'edizione presente.

E prima che sia maggio (idealmente già ad inizio aprile) devono essere pronti anche gli strumenti della promozione: il volantino e/o depliant a più ante che raccoglie la serie degli eventi per “il maggio in gioco”; il manifesto in italiano e quello plurilingue che viene affisso in luoghi pubblici istituzionali per promuovere specificatamente la Festa, e nei bar e altri locali limitrofi al parco Manifiorite.

Infine l’aggiornamento del sito Dirittoalgioco.it (prima era dirittoalgioco.net, di cui si è comperato domino assieme a.org), costantemente in uso per informare sui cambiamenti minuti e per fare memoria sul passato, per promuovere piccoli grandi eventi, per informare sulle cause utili a peronare il progetto, nonché illustrare che cosa si sta facendo nel coinvolgimento di scuole e altri gruppi, documentando didattica, metodologia, strumenti e cultura ludica. Ovviamente tutto quest’ultimo non sarebbe possibile se, alla cura del sito internet, non vi fosse accompagnato l’impegno a documentare e presenziare agli eventi.

LE ATTIVITA' DEL PROGETTO DELLA FESTA DEL DIRITTO AL GIOCO DI RAVENNA SI DISTINGUONO IN: attività organizzative; attività di animazione urbana; attività di costruzione di risorse ludiche; attività di laboratorio a promozione dei diritti e del protagonismo dell'infanzia; attività di carattere culturale e formativo; attività collegate al centro aggregazione giovanile Quake; attività specifiche che vengono "giocate" alla Festa.