logo dirittoalgioco.it collegamento

Dirittoalgioco.it

A promozione della cultura ludica partecipata ed inclusiva

Index - Presentazione - Attività - Tavolo - Archivio - Logo - Festa 2018 - progettare 2019 - policy privacy

PICCOLA FESTA DEL GIOCO DECENTRATA ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA MONTI 2018decorazione all'albero

Come per l'anno scorso anche quest'anno un gruppetto di genitori della scuola dell'Infanzia Monti del Comune di Ravenna, dopo essersi impegnato in un percorso ideativo e collaborativo nella costruzione di risorse ludiche (anche in continuità con azioni previste dai docenti con i bambini/e) in 5 incontri di laboratorio più o meno a cadenza mensile, ha pienamente auto gestito la "piccola festa del gioco decentra" che si è svolta il 16 maggio 2018 dalle 9,30 alle 11,30 all'area verde di via Capodistria limitrofa alla scuola.

Il nucleo dei genitori originario, costituito da una decina di adulti, ha saputo attrarre altrettanti genitori e nonni/e per dare una mano durante la festa, che ha previsto (a partire dalle ore 8,20 fino le 9,30) un'intensa fase di preparazione in cui si sono predisposte 6 postazioni ludiche diverse e decorato l'ambiente, nonchè la gestione delle stesse postazioni ludiche, insegnando ai gruppi di bambini/e che partecipavano accompagnati dalle loro insegnanti e personale di supporto.
Prima della data della piccola festa si è fatto richiesta ai referenti del Comune di uso del giardino e di fare pulire l'ambiente e tagliare l'erba dell'area verde, e questo è stato fatto puntualmente, permettendo di avere un ambiente estremamente efficiente per le attività ludiche.

Come per l'anno scorso anche per questa festa i genitori si sono dapprima contati nelle disponibilità e poi ci si è organizzati in gruppetti di lavoro, impegnandosi su più fronti: nella predisposizione delle aree ludiche, nel disegno con i gessetti del breve percorso su marciapiede che avrebbero fatto i bambini/e per uscire dalla scuola ed arrivare al parco, nella minima decorazione del parco, ed anche in una passeggiata di controllo dell'area affinchè tutto risultasse sicuro.

Il lavoro di preparazione delle postazioni ludiche
area slalom con spirali ingrandimento
area gioco rotolino ingrandimento
area gioco rotolino ingrandimento
area gioco slalom con girandole ingrandimento
area gioco con la girandola ingrandimento
area gioco con i birilli bottiglia ingrandimento
In queste immagini si illustrano le sei dieverse aree di gioco in fase di predisposizione, con il rispettivo equipaggiamento.
Abbiamo l'area dello slalom che ricorre a cerchi e birilli per segnalare il percorso da realizzare dai giocatori e giocatrici portando il giocattolo secondo una modalità che verrà descritta dopo.
Poi due immagini per mostrare l'equipaggiamento di base e poi la zona di gioco con i 4 cerchi sul prato che indicano 4 luoghi per la stessa attività con i rotolini di cartone colorati ed il mattarello di legno. Qusta seconda area è affianco a quella descritta per prima, ed insieme costituiscono una coppia di luoghi per una postazione di gioco: in essa arriva un terzo dei partecipanti bambini/e del grande gruppo, si divide in due per andare a giocare due diversi giochi, che sono contigui nell'ambiente di gioco.
Quest'organizzazione di luoghi e spazi e grande gruppo che si ripartisce in tre sotto gruppi, è la stessa a cui si è ricorso nel 2017, nella precedente edizione della "piccola festa del gioco decentrata della sc. dell'infanzia Monti" - VEDI LINK
area gioco canestri epalline ingrandimento
La quarta immagine della fila indica l'area di gioco in cui si utilizzata la "Manica a vento resistente", uno slalom tra delle canne di bambù piantate a terra, e decorate con ciuffi di nastro da decorazioni variamente colorato.
Affianco a questa c'era l'area del gioco con la "Girandola da corsa", in cui in un pezzetto di prato erano le animatrici a definire attività e cornice, anche prendendo spunto dalle azioni sperimentate dai bambini/e.
Nella quarta e nella quinta area di gioco si giocava con dei birilli di bottiglia su di un pezzetto del percorso su strada con la segnaletica stradale, e nell'altro caso una serie di canestrini era al centro di un area recintata con nastro bianco e rosso, in cui nessun giocatore poteva entrare, li vicino le palline di spugna utili al gioco.
Tutte queste aree di gioco hanno richiesto un'attenta progettazione da parte dei genitori, susseguente alla costruzione delle risorse ludiche, e poi un adattamento in base all'età ed abilità dei bambini/e che sarebbero stati coinvolti, ed una sperimentazione sul campo per assicurarsi la massima efficacia applicata al contesto.

Nell'organizzazione oraria delle attività con la scuola, alle 9,30 sono arrivati puntuali la metà della popolazione scolastica con gli adulti che accompagnavano e poi, dalle 10,30 in poi, la successiva metà; questo per permettere a ogni grande grarrivo del primo gruppo classe ingrandimento uppo di giocare almeno un'oretta, dando occasione a ciascun bambino/a di esperire tutte le postazioni di gioco predisposte. Il tempo relativamente ristretto è risultato in realtà il tempo giusto per esperire il gioco ma senza incorrere in un eccessivo affaticamento, visto anche le condizioni meteorologiche che si sono rivelate un ottimo pronostico verso il caldo.
Per restare nei tempi prefissati (tra il dopo colazione e prima del pranzo), un operatore del team del Tavolo inter associativo aveva la funzione di tenere i tempi e ricordare questi ai vari genitori coinvolti nella gestione delle attività ludiche.

Le postazioni ludiche erano a loro volta organizzate in tre spazi tra loro ben distinti e lontani, ben distribuiti nelle zone più in ombra dell'area verde, raccogliendo a due a due coppie dei sei giochi predisposti: arrivo del gruppo classe ingrandimento
- lo slalom con la "spiralina bottiglia";
- poco più lontano c'era "passa il rotolino";
- quindi nel punto più estremo dell'area giardino "lo slaom con la Manica a vento resistente";
- li a pochi passi il gioco libero e guidato con "la Girandola da corsa";
- infine le ultime due postazioni, con "il gioco dei Birilli bottiglia";
- e il gioco dei "tre canestrini con le palline di spugna".

Il primo grande gruppo è stato quindi ripartito in tre sotto gruppi, e ciascuno di questi tre sottogruppi ha avviato l'attività di gioco in una delle tre coppie di postazioni ludiche.
In ciascuna di queste tre coppie di postazioni si ripartiva ulteriormente il sotto-gruppo in due gruppetti, e ciascuno gruppetto era affidato a due o tre genitori-animatori che, per un tempo predefinito conducevano le attività e poi si faceva lo scambio tra i due gruppetti.

Le attività di gioco in ognuna delle sei postazioni ludiche
giocare con la spiralina nello slalom ingrandimento gioco curioso ingrandimento spiralina con pallina ingrandimento organizzare la fila ingrandimento
Mostrando come funziona, l'adulto spiega come tenere la "Spiralina bottiglia" e come portare la pallina che siede sul fondo della parte di bottiglia senza farla cadere Poi il gruppo prova e quindi ciascuno partecipante si cimenta nello slalom tra cerchi e birilli, portando con se la spiralina nel suo continuo e dinamico molleggiare
gioco con il rotolino ingrandimento passare il mattarello con ingrandimento continuare ad inserire ingrandimento nuovo passaggio ad altra giocatrice ingrandimento
il primo bambino viene istruito ad inserire il rotolino di cartone mantenendo il mattarello di legno diritto. Poi questo bambino passa il mattarello al secondo giocatore, senza fare cadere il rotolino, ed il nuovo giocatore fa altrettanto, aggiungendo un altro rotolino. Quindi il turno della terza bambina. Un gioco di estrema precisione, che mette e dura prova le competenze di coordinazione e controllo segmentario.
giocare con i birilli ingrandimento istruzioni ingrandimento strike! ingrandimento riordinare i birilli ingrandimento
Nella postazione dei Birilli bottiglia, si può giocare con due set di birilli, di conseguenza si hanno due gruppetti di bambini/e, ordinati in fila. Un adulto regola l'attività, consegnando la pallina e l'altro si preoccupa di riordinare il set di birilli, nel caso di siano abbattuti dal giocatore o giocatrice
paline a canstro ingrandimento restituzione delle palline ingrandimento
Un gruppetto di bambini/e viene distribuito attorno all'area di gioco e provvisto di palline di spugna. Al via tutti/e lanciano queste verso i canestrini (fatti di mezzi fondi di bottiglie) per cercare di centrare. Il gioco si sussegue cosi' fino ad esaurimento del tempo, mentre gli adulti restituiscono ai bambini/e le palline da lanciare.
Tutti questi giochi hanno in comune la semplicità e le poche regole, richiedono l'esecuzione di schemi motori già acquisiti e non complessi. Non c'è da competere per raccogliere punti, basta l'azione in se per divertire e motivare al gioco, sfidando se stessi/e.
giocare con la manica a vento ingrandimento slalom ingrandimento slalom manica a vento ingrandimento
Giocare con la Manica a vento resistente richiede un pò di abilità nel posizionare il giocattolo in maniera appropriata per cogliere il flusso dell'aria. Nel caso del percorso con lo slalom tra le canne di bambù, il tutto avveniva per imitazione o scoprendo la "formula" per prova ed errori. All'inizio qualcuno/a affidava il giocattolo al giocatore/giocatrice e poi si lanciava questo o questa nella corsa a slalom.
La contentezza era sempre massima e riuscire a fare gonfiare la manica a vento permetteva di aggiungere un piacere in più.
istruire all'uso del giocattolo ingrandire la girandola da corsa ingrandire gioco libero e girandola ingrandire
Giocare con la Girandola da corsa richiede dapprima di saper fare funzionare il giocattolo stesso, avere una minima padronanza di come funziona l'elica nei confronti del flusso dell'aria. Per accelerare i tempi sono stati gli adulti a mostrare come mantenere l'oggetto e come porre l'elica di fronte a se stessi affinchè , correndo, lo si metta in azione, oppure a farlo ruotare attorno a se stessi con il braccio teso. Il resto è esercizio di questa padronanza nei tanti modi possibili, un pò scoprendolo da se e un pò su suggerimento o indicazione di copiare l'uno o l'altro/a dei giocatori che sono intorno.
giocare con la girandola da corsa

Dopo tanti giochi ci si ritrova in cerchio e ogni bambino/a riceve una Girandola da corsa per regalo e con questa si percorre liberi uno dei sentieri del parco, per un ultima corsa fatta tutti assieme.
Il resto è il tempo del rientro a scuola e per i genitori in gioco arriva il tempo del riposo e del festeggiamento per un bel nuovo successo nell'avere condotto l'esperienza egregiamente e per avere consegnato una mattina di divertimento "giocando con poco" e con buone intenzioni.

team genitori al completo che festeggia ingrandimento