collegamento logo

Dirittoalgioco.it

A promozione della cultura ludica partecipata ed inclusiva

Index - Presentazione - Attività - Tavolo - Archivio - Logo - Progettare 2022 - Policy privacy

LABORATORIO "SCATOLE RIPIENE DI..."giocare tra le scatole ingrandimento

scatole di cartone colorate e ripiene e il gioco delle costruzioni

Questo laboratorio è stato realizzato dapprima in due dopo scuola e poi anche alla scuola statale dell'infanzia Arcobaleno, permettendo la realizzazione di una grande quantità di “scatole ripiene” o risorsa ludica per lo sfondo ludico dal titolo “Che scatole!”.
La proposta , nei doposcuola ha permesso ai partecipanti di contribuire alla Festa realizzando qualcosa di gratificante per loro; nella piccola comunità scolastica dell'infanzia è stata un'occasione utile a coinvolgere i genitori sia a giocare con i bambini/e a scuola e sia a trasformare il materiale primo per il gioco – la carta – in una risorsa per la Festa.
La risorsa “Che scatole!” ha in effetti prodotto variegate occasioni di gioco libero stimolando anche l'aggregazione in gruppi spontanei di gioco, creatisi sul posto (anche sulla base di minime relazioni pre-esistenti per la concomitanza di fratelli e sorelle) sullo stesso interesse.

Il laboratorio ha preso avvio dall'utilizzo di semplici fogli di carta di giornale, procedendo poi verso l'uso combinato della carta, del lenzuolo e dello scatolone; concludendosi nella produzione in serie di scatole di cartone ripiene di carta (“imbottite” di quella stessa carta che è stata usata per giocare inizialmente). Le foto mostrano sia l'ideazione e gioco con la carta e sia la produzione delle “scatole ripiene”.

ingrandimento giocare ocn la carta ingrandimento carta in aria ingrandimento pesciolini in mare ingrandimento relax sotto la carta ingrandimento
sotto al lenzuolo ingrandimento ingrandimento
il gioco con la carta si è avviato da un cerchio di presentazione delle attività, a cui è seguita la distribuzione di carta (ritagli rettangolari delle pagine di giornali quotidiani), in modiche quantità per ciascuno/a. Con questi ritagli ognuno/a ha ricevuto la consegna (proposta tramite emulazione del modello) distribuito la carta a terra con l'indicazione di “costruire una strada, delle strade”. E gradualmente la consegna ha contagiato tutti/e. Per diversi bambini/e c'è stata la possibilità di ricevere ulteriore ritagli una volta che avevano esauriti i precedenti.
“E adesso che abbiamo costruito queste strade che cosa facciamo?” è stato il secondo problema posto al gruppo, attendendosi una molteplicità di risposte con l'invito ad operarle liberamente approssimandosi “al grande giocattolo” secondo modalità libere ed individuali.
Tante sono state le risposte di come usare ludicamente quest'effimera struttura di strade (ed i suoi singoli elementi componenti fatti di ritagli di carta). Nel mentre che le cose si volgevano, c'erano gli inviti a cogliere le idee a cui i vari partecipanti davano forma: orientando l'attenzione dei presenti sui singoli e le coppie e anche piccoli gruppi che usavano nello stesso modo la carta, copiando gli altri/e, portandosi al loro seguito, invitando a proporsi come modelli, generando situazioni di cerchio in cui l'uno mostrava agli altri/e l'idea.Quando lo scompiglio della carta a terra è stato generale si è richiesto al gruppo di dare senso comune a quanto l'immaginazione suggeriva: quali altri scenari immaginari poteva suggerire la carta a terra?
lenzuolo ingrandimento ingrandimento
carta dalla scatola ingrandimento ingrandimento
Anche per questa domanda aperta le risposte non si sono fatte aspettare, come ad esempio “il mare con i pesciolini”. Da qui si è ripartiti per altri scenari ludici simbolici, con il fare finta di” calarsi in questo contesto fantastico assumendo delle forme proprie: se si è nel mare, si diventa pesciolini e ci si comporta di conseguenza, avendo gli stessi partecipanti nel ruolo di protagonisti dell'ideare come attraversare il mare e chi personaggio assumerne le sembianze. All'adulto la funzione di modulare lo scenario con un mare calmo oppure mosso, e stimoli latri vari, che anche rispettassero le differenze tra bambini e adulti (per questi ultimi non si si coinvolgeva certo nello “scivolare nella carta” ma magari nel diventare parte del paesaggio marino, divenendo anche ostacoli al transitare dei pesciolini.
L'ultima delle proposte è stata quella del trasformare la carta in pallina per una nuova serie di giochi che avrebbero visto anche l'uso del lenzuolo o dello scatolone. Per il gruppo, in questa seconda tornata di creatività ideo-ludica è stato molto più semplice comprendere quanto veniva loro richiesto, nella libertà di esprimersi dentro ad una cornice predefinita dall'adulto, e gli stimoli a liberare il potenziale creativo nell'uso della carta appallottolata si combinavano con il copiare agli altri o essere per gli altri modelli di riferimento, in un costituirsi e dissolversi di attività anche a piccoli gruppi e di tipo corale, con l'intervento del lenzuolo (per caricarlo di palline di carta da “agitare” coralmente) o dello scatolone (per contribuire tutti assieme a riempirlo ed a svuotarlo di palline).
Le energie vanno dosate, ed il lenzuolo ha fatto la sua parte anche per evocare “il riposino” sotto la carta o sulla carta, dopo avere consumato tante esperienze ludiche l'una di seguito all'altra in un cambiare continuo.
lancio della carta ingrandimento ingrandimento

 

L'attività di riempimento degli scatoloni e della loro colorazione ha coinvolto massicciamente un gruppo di volenterose mamme, che assieme alla loro prole hanno usato tempera e colori per dipingere le scatole in maniera monocromatica.
Poi alle scatole ripiene di carta e pitturate, sono state aggiunte lunghezze di nastri scotch colorati, che avvolgendo ad ogni lato anche andavano a rinforzare la scatola stessa.

Di scatola in scatola si è costruito un variopinto "muro" di scatoloni, dapprima usato in aula per osservare le modalità di gioco libero dei bambini/e, testandone limiti e possibilità, e poi il materiale è stato portato alla Festa.

giocare con la carta

TORNA AD ALTRI LINK sulla costruzione di giocattoli collegati alla Festa del diritto al gioco di Ravenna:

- laboratorio Matisse - labirinto di lenzuola - all'interno di doposcuola Arci e Cittàmeticcia
- laboratorio Ragnatela di Arlecchino - giocando e costruendo la trama di calze colorate presso la scuola dell'infanzia Arcobaleno dei bimbi
- laboratorio Strumenti sonori - Albero dei suoni - presso i dopo scuola Arci
- laboratorio Tende e tunnel - presso la scuola dell'infanzia Manifiorite
- laboratorio "Generatori di sorrisi" - o "girandole con il ciuffo", "Uno sciame di biciclette 2017"
- laboratorio di costruzione di Girandole da corsa, "Uno sciame di biciclette 2018"
- laboratorio "Lanterne da passeggio" - laboratoro durante l'evento "M'Illumino di meno"
- laboratorio "Carrettini per il gioco sul prato" - con gli scout della parrocchia San Pier Damiano
- laboratorio "Scatole ripiene" - coinvolgendo genitori e bambini/e a giocare e costruire assieme
- Laboratorio di costruzione del "Saltatappo" - alla Casa Volante, centro di aggregazione informale autogestito
- Laboratorio di costruzione della "Palla Cometa" - Genitori in gioco alla scuola Monti
- Laboratorio di costruzione della "Manica a vento" - durante il laboratorio condotto da operatori del Progetto Crescita
- Laboratorio di costruzione della "Manica a vento resistente" - presso scuola Arcobaleno
- laboratorio di costruzione del "Salterello Pinocchietto" - coinvolgendo genitori e insegnanti alla scuola Manifiorite
- laboratorio costruzione di Multi/maxi girandole - presso le scuole dell'infanzia Manifiorite ed Arcobaleno
- laboratorio di costruzione di Labirinti di cartone - coinvolgendo operatori della cooperativa Progetto Crescita
- laboratorio di costruzione di fuciletti e birilli - formazione dei docenti della scuola Manifiorite
- Laboratorio genitori alla sc. Monti 2017 - protagonismo nell'ideare e condurre piccole feste del gioco decentrate
- Laboratorio genitori alla sc. Monti 2018 - protagonismo nell'ideare e condurre piccole feste del gioco decentrate
- Laboratorio di costruzion delle Cerbottane di carta - al centro Casa Volante